venerdì 27 maggio 2011

Motricità fine con le Sewing Cards

Nell'ultimo post ho parlato di motricità fine, oggi vorrei parlarvi delle Sewing Cards.
Sono schede cartonate con dei disegni  che hanno lungo il contorno dei buchini. Di qui si deve far passare una stringa colorata e "cucire" il disegno.
Qua sopra vedete quelle che ho preparato per Riccio l'anno scorso. Le ho scaricate dal sito ABCteach, stampate e incollate su di un cartoncino.
Le Sewing cards sono considerate dai pedagogisti utili strumenti didattiti.

Osservando Riccio concentrarsi per far passare il filo nei buchi, è stato bello notare che non solo stava utilizzando tutte le sue capacità motorie per infilare e sfilare il filo senza ingarbugliarlo, ma che stava comprendendo concetti importanti come dentro-fuori, sopra-sotto e davanti-dietro.
Scrivendo i numeri vicino ai buchini, inizialmente in ordine poi in disordine,  ci si può anche esercitare nel riconoscimento dei numeri  e sulla loro sequenza.
Un fatto da non trascurare, queste schede possono essere un buon esercizio per il contenimento dei bambini con iperattività. Si può iniziare con schede con pochi buchi, aumentanto gradualmente la difficoltà e di conseguenza stimolando il bambino verso tempi di concentrazione e attenzione più lunghi per portare a termine il lavoro.
La Coccinella Editore

In libreria ho trovato un libro, Indovina come Gioco - La Coccinella Editore, dove le pagine sono piene di buchi e c'è un indovinello da risolvere. La soluzione si può trovare infilando il filo nei buchini seguendo la numerazione, senza infilare il filo nei buchi non numerati.
Una variante delle Sewing cards classiche.

Per realizzare da soli le cards basta fare o scaricare un bel disegno, stamparlo in grande, colorarlo, incollarlo su di un cartoncino (noi abbiamo usato quello riciclato dalla scatola di cereali) e forarlo.
Una stringa da scarpa, oppure un nastrino, un filo grosso di lana o cotone, con un po' di scotch di carta per fare un finto ago completano il gioco.
Buon divertimento!

2 commenti:

  1. Valentina29/5/11

    Che bella idea! Non sapevo che ci fosse una tecnica del genere ed è sicuramente stimolante per affinare la motricità fine. Mio figlio Alessandro ne ha davvero bisogno e metterò in pratica il consiglio. Grazie per i tuo spunti utilissimi ed originali! Valentina

    RispondiElimina
  2. Carlotta29/5/11

    Quando sul sito ABCteach.com le ho scoperte mi si è aperto un mondo! Ciao!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...