domenica 29 maggio 2011

Braccialetto d'identità

A Riccio ho cucito nome e numero di cellulare addosso!
Partiamo dal presupposto che un genitore sia sempre vigile, in costante contatto visivo con i figli durante le vacanze, in spiaggia, in un centro commerciale, in un parco, in ogni posto affollato... fermo restando questo dato di fatto, può succedere che i bambini si smarriscano e tutti i discorsi preparatori a tale evenienza fatti ai nostri figli possono essere vanificati da migliaia di variabili.
Già da qualche anno cerco di far imparare a memoria a Riccio i suoi dati anagrafici e di residenza, un numero di telefono, ma all'atto pratico non so (non voglio neanche saperlo) se risponderà alla domanda: "Come ti chiami?"
Un'amica mi ha raccontato la sua esperienza. La figlia è coetanea di Riccio e aveva tre o quattro anni, se ricordo bene.
In un centro commerciale é sparita alla vista della madre e -per un tempo indefinito di panico- tutti si sono messi a cercarla. Nonostante le raccomandazioni impartite con scaramantica pazienza (stammi vicina, se ti perdi vai ad una cassa, parla con una signora con la divisa, dille come ti chiami...ecc.) la piccola, sentitasi persa, si è nascosta sotto un tavolino pieno di T-shirt e con un sussurro di voce chiamava la mamma. Poi l'hanno vista.
Tutto è finito bene, ma non sappiamo davvero cosa possono fare i bambini smarriti sotto stress.
Esistono braccialetti sui quali si può scrivere il nome e il numero di telefono, molto utili, ma francamente non molto "trendy".
Sembrano quelli di uso ospedaliero e al polso di un bambino, non sono molto "allegri".
Così, ho optato per la soluzione braccialetto-faidate che risulta funzionale e gradevole da indossare.
Serve un nastro di nylon largo circa 1.5 cm, accendino, pennarello indelebile fine, ago e filo.
Tagliate il nastro dopo aver preso la misura del polso, sigillate le estremità con la fiamma dell'accendino.
Scrivete il nome del bimbo e il vostro numero di telefono.
Con ago e filo cucite il tutto al polso.
Non deve essere troppo stretto e neanche deve potersi sfilare.
Ecco, Riccio lo indossa dall'estate 2009, ovviamente il nome va riscritto ogni tanto ed eventualmente anche sostituito tutto il braccialetto. In ogni caso dura molto a lungo anche dopo lunghe giornate al sole, al mare o in montagna, in acqua dolce o salata.
E poi tutto sommato non è neanche brutto!

1 commento:

  1. Ciao Carlotta,
    come stai?
    Bella l'idea del braccialetto d'identità.
    Un saluto da Gabri

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...