martedì 12 aprile 2011

Abbiamo incontrato un riccio

Domenica in agriturismo.
Un' occasione per stare con amici e lasciare ai bambini la possibilità di scatenarsi all'aria aperta. Se poi le premesse dal sabato sono di tempo caldo e soleggiato, anche meglio.
Ahimè, ci siamo svegliati e il cielo sopra Roma era tristissimo, grigissimo e l'aria un po' fresca.
Ma non ci siamo scoraggiati: tutti in macchina verso le campagne intorno a Pomezia.
La cosa bella della giornata, oltre al sole che ha fatto capolino nel pomeriggio, è stato vedere l'interesse di Riccio per tutti gli animali della fattoria.
Un cavallo, un asinello, oche, galline, mucche, pavoni e... un riccio.
Non "il mio Riccio", ma un riccio vero, insomma un porcospino!
Mi aggiravo per il prato alla ricerca di quadrifogli (un po' di fortuna non guasta mai), ed invece eccolo lì: spinoso e marroncino!
E' primavera, escono adesso dal letargo, e se ne andava lento e tranquillo per il prato fra trifogli e margheritine. Che carino!
Non potevo non cogliere l'occasione di farlo vedere a tutti i bambini.
Vedere un animaletto selvatico da vicino, non è cosa da tutti i giorni.
Ho pensato che fosse cucciolo, perchè da bambina li ricordavo più grossi, in realtà probabilmente era solo magrolino, dopo il lungo sonno dell'inverno.
Il riccio si è fatto osservare senza timore. Con delicatezza l'ho girato per far vedere ai bambini il musetto appuntito, le zampine e la piccola codina. Naturalmente si è subito appallottolato.
Che bestiolina deliziosa.
L'abbiamo poi messo sotto una siepe di rosmarino e lasciato tranquillo.
Sono davvero contenta di questo incontro. Mi ha messo di buon umore e fatto sentire in pace con la natura.

Per chi è curioso, ecco qualche notizia sui ricci:
http://it.wikipedia.org/wiki/Erinaceus_europaeus

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...